Vai al contenuto
A-    A     A+

Il Fondo Forestale Italiano ha deciso di acquistare dei terreni boschivi a Scheggino (PG) per farne il nucleo iniziale della prima Oasi Naturale Protetta del Fondo Forestale Italiano.

Si inizia con una superficie totale di circa 15 ettari dove gli alberi non verranno mai tagliati a scopo economico e avranno quindi il tempo di crescere secondo le loro dinamiche naturali.

Siamo in Valnerina, pochi chilometri a nord delle Cascate delle Marmore, e l'area boschiva che vogliamo proteggere è sottoposta a tagli periodici per fare legname, quindi ai suoi alberi non viene mai permesso di diventare grandi e maestosi. Il bosco è giovane e fragile, e per diventare una vera foresta con alberi maturi, ha bisogno di essere protetto.

Volgiamo acquistare i terreni perché è l’unico modo per avere gli strumenti legali per proteggere il bosco fino in fondo e impedirvi qualsiasi taglio produttivo. Non ci limiteremo a non tagliare ma,

  • nelle zone adatte, pianteremo arbusti per aumentare la biodiversità e offrire riparo e nutrimento alla fauna selvatica;
  • ove possibile, convertiremo il ceduo in fustaia;
  • una parte dell'Oasi, attraversata da una strada in terra battuta facilmente percorribile a piedi, verrà trasformata in un percorso didattico con informazioni sulla fauna e la flora locali, in un’ottica di promozione dell’educazione ambientale;
  • una piccola area di 2.000 metri quadri lungo il corso del fiume Nera sarà invece riforestata con le specie arboree adeguate al territorio.

Una volta acquisito il terreno, creeremo una sezione locale dell’associazione e sarà essa a prendersi cura dell’Oasi e a gestirla in relazione con la comunità locale.

 


Ad oggi più di 100 sostenitori hanno contribuito via crowdfunding per un totale di circa 7600€ sui 40000€ preventivati. Stiamo ricevendo erogazioni liberali anche attraverso altri canali (Paypal, Bonifici su C/C) e ad oggi tali erogazioni ammontano a circa 11.000€.

Se alla fine del crowdfunding (31 dicembre 2019) la cifra raccolta sarà minore di quanto prefissato, l'Oasi sarà proporzionalmente più piccola dei 15 ettari previsti ma nessuna donazione sarà stata inutile!

Le cifre donate sono deducibili / detraibili


Cos’è il Fondo  Forestale italiano?
Il Fondo Forestale Italiano Onlus è una associazione senza fini di lucro che combatte i cambiamenti climatici e i loro effetti creando foreste e conservando quelle esistenti. Le foreste saranno lasciate per sempre nel loro stato naturale, senza tagli a scopo commerciale. Al fine di garantire nel tempo la protezione delle foreste, l'associazione agisce su terreni di cui acquisisce la proprietà o l'uso per un lungo periodo. 

pubblichiamo volentieri il seguente post su FaceBook (16 ott 2017 22:00) di Vincenzo Ferrara

Basterebbe una gestione sostenibile del patrimonio naturale terrestre (ambiente naturale ed ecosistemi terrestri) per ridurre di oltre un terzo le emissioni mondiali di gas a effetto serra necessarie per prevenire il raggiungimento di pericolosi livelli di riscaldamento globale.

Qui di seguito (figura e testo), vengono riportati alcuni esempi di gestione del suolo e delle foreste con metodi naturali in grado di evitare l’inquinamento equivalente a quello di ben oltre 2 miliardi di autoveicoli. Questi esempi sono tratti da un nuovo studio della Organizzazione internazionale di protezione della natura: "The Nature Conservancy"

____________________________________________
TOP 10 METODI NATURALI

I dieci metodi naturali più efficaci per ridurre le emissioni di gas serra equivalenti all'inquinamento prodotto annualmente da oltre 2 miliardi di autoveicoli

  1. La riforestazione (delle aree deforestate): equivale ad eliminare l’inquinamento di 650 milioni di autoveicoli.
  2. Evitare la conversione delle foreste, cioè evitare la deforestazione per usare il suolo deforestato per altri usi (agricoltura intensiva, pascolo, infrastrutture e urbanizzazione, ecc.): equivale ad eliminare l’inquinamento di 620 milioni di autoveicoli.
  3. La gestione sostenibile delle foreste naturali: equivale ad eliminare l’inquinamento di 189 milioni di autoveicoli.
  4. Evitare di distruggere le zone naturali di torbiera: equivale ad eliminare l’inquinamento di 143 milioni di autoveicoli.
  5. Fertilizzare i suoli agricoli con nutrienti naturali: equivale ad evitare l’inquinamento di 136 milioni di autoveicoli.
  6. Usare gli alberi per delimitare i terreni agricoli (invece di muri e barriere innaturali): equivale ad evitare l’inquinamento di 94 milioni di autoveicoli.
  7. Proteggere e recuperare le aree naturali di torbiera: equivale a evitare l’inquinamento di 84 milioni di autoveicoli.
  8. Gestire i suoli agricoli con criteri di eco-sostenibilità: equivale ad evitare l’inquinamento di 80 milioni di autoveicoli.
  9. conservare e proteggere le aree umide costiere: equivale ad evitare l’inquinamento di 59 milioni di autoveicoli.
  10. Evitare di danneggiare le aree umide costiere: equivale ad evitare l’inquinamento di 43 milioni di autoveicoli.

Riceviamo da Vincenzo Ferrara e pubblichiamo con piacere:

Anche se azzerassimo immediatamente ed istantaneamente tutte le emissioni mondiali di gas serra, il clima globale continuerebbe a riscaldarsi di altri 0,3°C prima di raggiungere un nuovo equilibrio energetico. E' l'effetto dell'inerzia termica del sistema climatico che non è in uno stato di equilibrio energetico. Se si tiene conto di questo processo di inerzia termica, non c'è dubbio che l'obiettivo di 1.5°C posto nell'accordo di Parigi è di fatto già superato.
Molte persone credono che il riscaldamento globale si interromperà, non appena smettiamo di emettere gas a effetto serra. Molti sono addirittura convinti che, con l'azzeramento delle emissioni climalteranti, le temperature raggiungeranno i livelli preindustriali entro un paio di decenni.
Niente di più falso. La CO2 ha una vita media in atmosfera molto più lunga dei decenni e dei secoli, anzi rimane nell'atmosfera per migliaia di anni. L'unico modo per ridurne concentrazione dei gas serra in atmosfera è rimuoverli a ritmi più veloci dei ritmi di accumulo.
Quindi, dobbiamo affermare chiaramente: IL RISCALDAMENTO GLOBALE NON SI FERMERA' QUANDO CESSERANNO LE EMISSIONI.

L'articolo scientifico originale è pubblicato su Nature.
Vedasi anche questo articolo del Max Plank Institute