Sponsor FONDO FORESTALE ITALIANO

I nostri amici

Smiling Pot

Ceramiche fatte a mano

L’EcoPost

L’Ecopost aiuta i lettori ad avviare il cambiamento di cui il mondo ha bisogno

Soft Moka

Flora e fauna illustrate - Regali di carta

Agriturismo S.Egle

a Sorano (GR)

Come è facile intuire le attività del Fondo Forestale Italiano non producono ricavi e quindi non sono economicamente sostenibili. Ciò significa che l’associazione può operare solo grazie a donazioni di privati, di aziende e di Enti. Particolarmente utile al Fondo Forestale Italiano sarà l’esistenza di uno o più sponsor.

Le attività del Fondo Forestale Italiano non hanno controindicazioni di alcun tipo e sono molto apprezzate dalla pubblica opinione che è preoccupata non solo dei cambiamenti climatici in senso astratto e globale ma anche delle loro conseguenze locali sulle condizioni meteo giornaliere e stagionali. Ciò significa che lo/gli sponsor che collegano il proprio nome alle attività del Fondo Forestale Italiano avranno ampia e positiva visibilità.

I media si sono già interessati al Fondo Forestale Italiano: Striscia la Notizia di Canale 5 ci ha intervistati, abbiamo interviste sul “Corriere della Sera”, su “La Stampa”, interviste radiofoniche su RAI Radio2 e RAI Radio3, e molte altre presenze sia cartacee che sul web. Ecco l’elenco completo delle presenze sui media.

Il Fondo Forestale Italiano è presente su Facebook dove ha superato i 15000 like, e su Instagram.

Oltre che sul web e sui social media, il Fondo Forestale Italiano  può offre visibilità allo/agli Sponsor nelle iniziative che attua:

  • azioni sul territorio come piantagioni/piantumazioni, irrigazioni successive e momenti di controllo della crescita e dello stato delle foreste;
  • rapporti con i media;
  • rapporti con le comunità locali, intese sia come classe dirigente sia come popolazioni locali e scolaresche che il Fondo Forestale Italiano vuole coinvolgere nella protezione delle zone forestate;

Lo sponsor potrebbe essere autorizzato ad utilizzare il logo del FFI, che è marchio registrato.

E’ possibile sponsorizzare il Fondo Forestale Italiano in senso lato, oppure sponsorizzarne una (o più) specifiche forestazioni o acquisizioni di foreste da conservare.  Nel primo caso lo Sponsor contribuisce economicamente alla vita dell’Associazione aiutandola a crescere e a ramificarsi sul territorio. Nel secondo caso lo Sponsor contribuisce ad uno o più progetti di forestazione.

Il costo di acquisto e forestazione di un ettaro di terreno incolto e di minimo valore economico è valutabile sui 40.000€, comprendendo anche le spese successive alla piantumazione per quattro anni. Stime precise non possono prescindere da una attenta analisi tecnica e scientifica dello specifico terreno e delle zone circostanti (accessibilità ai mezzi meccanici, situazione biochimica e del terreno e sua pendenza, disponibilità di acqua, presenza di animali selvatici, …)

Oltre che in denaro, gli Sponsor possono contribuire con strumenti operativi utili alla vita dell’Associazione o alle forestazioni. Ad esempio uno studio pubblicitario potrebbe aiutare il Fondo Forestale Italiano studiando, e magari realizzando!, una campagna promozionale.

Gli Sponsor possono essere a scala nazionale o a scala locale. La scala locale è idonea quando il business degli Sponsor è localizzato ed essi sono quindi interessati a contribuire solo ad alcune specifiche forestazioni.

Il Fondo Forestale Italiano non è pregiudizialmente contrario ad affidarsi ad unica azienda che voglia rafforzare il collegamento tra il proprio marchio e le attività dell’Associazione diventandone Sponsor Unico.

Il Fondo Forestale Italiano non pensa che “pecunia non olet”, quindi non accetta sponsorizzazioni da aziende il cui business sia contrario ai principi o agli scopi dell’Associazione.

Vuoi diventare Sponsor del Fondo Forestale Italiano?

FONDO FORESTALE ITALIANO

Creiamo nuovi boschi e proteggiamo quelli esistenti

Il Fondo Forestale Italiano Onlus preserva la biodiversità conservando e creando boschi su terreni di cui acquisisce la proprietà. Tutti i boschi sono lasciati nel loro stato naturale, senza tagli a scopo economico.