Vai al contenuto
A-    A     A+

pubblichiamo volentieri il seguente post su FaceBook (16 ott 2017 22:00) di Vincenzo Ferrara

Basterebbe una gestione sostenibile del patrimonio naturale terrestre (ambiente naturale ed ecosistemi terrestri) per ridurre di oltre un terzo le emissioni mondiali di gas a effetto serra necessarie per prevenire il raggiungimento di pericolosi livelli di riscaldamento globale.

Qui di seguito (figura e testo), vengono riportati alcuni esempi di gestione del suolo e delle foreste con metodi naturali in grado di evitare l’inquinamento equivalente a quello di ben oltre 2 miliardi di autoveicoli. Questi esempi sono tratti da un nuovo studio della Organizzazione internazionale di protezione della natura: "The Nature Conservancy"

____________________________________________
TOP 10 METODI NATURALI

I dieci metodi naturali più efficaci per ridurre le emissioni di gas serra equivalenti all'inquinamento prodotto annualmente da oltre 2 miliardi di autoveicoli

  1. La riforestazione (delle aree deforestate): equivale ad eliminare l’inquinamento di 650 milioni di autoveicoli.
  2. Evitare la conversione delle foreste, cioè evitare la deforestazione per usare il suolo deforestato per altri usi (agricoltura intensiva, pascolo, infrastrutture e urbanizzazione, ecc.): equivale ad eliminare l’inquinamento di 620 milioni di autoveicoli.
  3. La gestione sostenibile delle foreste naturali: equivale ad eliminare l’inquinamento di 189 milioni di autoveicoli.
  4. Evitare di distruggere le zone naturali di torbiera: equivale ad eliminare l’inquinamento di 143 milioni di autoveicoli.
  5. Fertilizzare i suoli agricoli con nutrienti naturali: equivale ad evitare l’inquinamento di 136 milioni di autoveicoli.
  6. Usare gli alberi per delimitare i terreni agricoli (invece di muri e barriere innaturali): equivale ad evitare l’inquinamento di 94 milioni di autoveicoli.
  7. Proteggere e recuperare le aree naturali di torbiera: equivale a evitare l’inquinamento di 84 milioni di autoveicoli.
  8. Gestire i suoli agricoli con criteri di eco-sostenibilità: equivale ad evitare l’inquinamento di 80 milioni di autoveicoli.
  9. conservare e proteggere le aree umide costiere: equivale ad evitare l’inquinamento di 59 milioni di autoveicoli.
  10. Evitare di danneggiare le aree umide costiere: equivale ad evitare l’inquinamento di 43 milioni di autoveicoli.

In questa coraggiosa ed innovativa idea, ma soprattutto nella “vision” che la nostra associazione si propone, non possiamo evitare di parlare della TEORIA DEI SISTEMI.

La foresta è un sistema. Questa teoria, in maniera generale, fu sviluppata nella prima metà del secolo scorso dal biologo Ludwig von Bertalanffy, il quale la definì come segue: “un sistema è un insieme integrato di parti interagenti ed interdipendenti in cui le proprietà del sistema non corrispondono alla somma delle proprietà delle singole componenti, ma traggono origine proprio dalla configurazione di relazioni che caratterizza il sistema stesso”.

Questo ci introduce all’approccio cosiddetto sistemico, ossia focalizzare l’attenzione dalle parti al tutto. Il “tutto” si trova in un equilibrio dinamico, che è in continua fluttuazione, dipendendo dai vari e stratificati livelli di organizzazione che si compongono di questi tasselli (le parti del sistema) e che tutti insieme costituiscono il sistema stesso. Da qui, senza entrare in particolari che risulterebbero in questa sede prolissi, passiamo al concetto di omeostasi: più il sistema risulta complicato e più esso ha capacità di riorganizzarsi, di autoregolarsi e di rispondere positivamente ad un cambiamento. La foresta è capace di fare tutto ciò. Delle volte ha addirittura la necessità di subire un disturbo (naturale) per poter evolversi.

La foresta non è una somma di alberi, la foresta è la risultante di miriadi di vettori che in maniera circolare si distribuiscono nello spazio e nel tempo: dalle risorse disponibili, ai fattori limitanti, al substrato, ai fattori fisici, agli eventi catastrofici, alle interazioni che ogni individuo ha con l’altro etc.

Ciò che è importante è far capire che il bosco assolve alla funzione di assorbimento della CO2, evita il rischio idrogeologico (es. alluvioni), ci fornisce ossigeno, ci regola il microclima, è un magazzino di biodiversità (cosa che si rispecchia sul benessere del pianeta e che non si può certo definire con una sola parola), ci dà buoni prodotti con i quali nutrirsi, ci fa svagare in una giornata di festa e, perché no, ci riscalda e ci arreda casa. Questo non è un compito da tutti, non è un compito da dare ad un “orto di alberi”. Noi non abbiamo solo bisogno di alberi e di legna da ardere, noi abbiamo bisogno del bosco, della foresta come di un professionista. Sarà Lui ad occuparsi dei nostri problemi. Perpetuare il bosco non è affare da poco. In un mondo dove la parola “sostenibilità” è marketing, noi vorremmo tornare un passo indietro e farci aiutare da chi davvero la sa lunga. Instaurare e creare i presupposti perché un vero e proprio bosco si crei, andando a riforestare un terreno brullo ed abbandonato è ciò che ci preme.

Dott. Samuele Maestri
Università degli Studi della Tuscia
Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali (DAFNE)

Riceviamo da Vincenzo Ferrara e pubblichiamo con piacere:

Anche se azzerassimo immediatamente ed istantaneamente tutte le emissioni mondiali di gas serra, il clima globale continuerebbe a riscaldarsi di altri 0,3°C prima di raggiungere un nuovo equilibrio energetico. E' l'effetto dell'inerzia termica del sistema climatico che non è in uno stato di equilibrio energetico. Se si tiene conto di questo processo di inerzia termica, non c'è dubbio che l'obiettivo di 1.5°C posto nell'accordo di Parigi è di fatto già superato.
Molte persone credono che il riscaldamento globale si interromperà, non appena smettiamo di emettere gas a effetto serra. Molti sono addirittura convinti che, con l'azzeramento delle emissioni climalteranti, le temperature raggiungeranno i livelli preindustriali entro un paio di decenni.
Niente di più falso. La CO2 ha una vita media in atmosfera molto più lunga dei decenni e dei secoli, anzi rimane nell'atmosfera per migliaia di anni. L'unico modo per ridurne concentrazione dei gas serra in atmosfera è rimuoverli a ritmi più veloci dei ritmi di accumulo.
Quindi, dobbiamo affermare chiaramente: IL RISCALDAMENTO GLOBALE NON SI FERMERA' QUANDO CESSERANNO LE EMISSIONI.

L'articolo scientifico originale è pubblicato su Nature.
Vedasi anche questo articolo del Max Plank Institute