Vai al contenuto
A-    A     A+

La CO2 prodotta dalla combustione del legno viene detta "biogenica", ossia di origine biologica, e viene contrapposta alla CO2 prodotta dall'uso dei combustibili fossili, detta non biogenica.

E' una definizione certamente valida per i tempi pre-industriali, quando tutto il Carbonio presente nella biosfera era biogenico ed entrava come oggi in diversi cicli, anche sotto forma di CO2 , ma la sua quantità totale era all'incirca costante (a meno di modifiche astronomiche o di grosse eruzioni vulcaniche).

Secondo i dati  NASA , dal 1850 ad oggi 4 Novembre 2019, la concentrazione di CO2 in atmosfera è aumentata quasi del 50%, essendo passata da 285 a 412 parti per milione.

Nel 1850 la rivoluzione industriale era già iniziata, ma da poco e semplificando un po' possiamo dire che la CO2 atmosferica in quell'anno fosse praticamente tutta di orgine naturale. Nel periodo 1850 - 2019 non risultano fenomeni astronomici che possano aver inciso sulla quantità di CO2 in atmosfera e neppure fenomeni vulcanici eruttivi in grado di farlo.

E' quindi regionevole pensare che l'aumento di CO2 dal 1850 ad oggi sia dovuto all'uso umano dei combustibili fossili. L'aumento corrispnde a 1/3 del totale odierno e ciò significa che oggi 1/3 della CO2 atmosferica è prodotta dall'uso di combustibili fossili mentre i rimanenti 2/3 sono di origine naturale.

E' quindi ragionevole pensare che se piantiamo oggi un albero, esso inizierà ad accumulare Carbonio prelevandolo dalla CO2 atmosferica, quindi almeno un terzo di tale Carbonio sarà (mediamente) proveniente dai combustibili fossili. Almeno un terzo, perchè è certo che durante la vita dell'albero la percentuale di CO2 di origine fossile in atmosfera aumenterà, dato che l'umanità non smetterà di utilizzare i combustibili fossili nei prossimi anni.

E' quindi corretto dire che quando taglieremo l'albero piantato oggi e ne bruceremo il legno, la CO2 emessa sarà per meno di 2/3 di origine naturale e per oltre 1/3 di origine fossile? Se così fosse, ha ancora senso parlare di CO2 biogenica?