Foreste fantasma usate per greenwashing

  • redazione del FFI
  • 3 Maggio 2022
  • No Responses

Non tutte le grandi riforestazioni iniziate nel mondo vanno a buon fine, per non parlare di quelle che rimangono solo sulla carta. Non lo dice il FFI ma la BBC e questa consapevolezza ci rafforza nel nostro sforzo di conservare senza tagli i boschi esistenti.

Questo testo è la traduzione in italiano dall’articolo della BBC “How phantom forests are used for greenwashing
di Navin Singh Khadka, Environment correspondent, BBC World Service, 3 Maggio 2022.
Tradotto con la versione gratuita di DeepL.

Catturare CO2 aumentando la superficie forestale è diventato centrale nella lotta contro il cambiamenti cliamtici. Ma c’è un problema: qualche volta queste foreste esistono solo sulla carta, o perché le promesse non sono state mantenute o perché gli alberi piantati sono morti o sono stati tagliati. E’ necessario un nuovo sforzo per tracciare successi e falimenti.

La dottoressa Jurgenne Primavera sta remando in una canoa lungo la costa di Iloilo, nelle Filippine. È una scena idilliaca, ma lei è accigliata. Sei anni fa in queste acque poco profonde sono state piantate mangrovie come parte dell’ambizioso programma nazionale di rinverdimento del paese, ma ora non c’è nulla da vedere se non acqua blu e cielo azzurro.

Il novanta per cento delle piantine è morto, dice la dottoressa Primavera, perché il tipo di mangrovia piantato era più adatto alle insenature fangose che a questa zona costiera sabbiosa. Il governo l’ha però preferita, suggerisce, perché è facilmente disponibile e facile da piantare.

“La scienza è stata sacrificata per la convenienza della piantagione”.

Il programma di rinverdimento nazionale era un tentativo di far crescere 1,5 milioni di ettari di foreste e mangrovie tra il 2011 e il 2019, ma un rapporto appassionato della Commissione di controllo del paese ha rilevato che nei primi cinque anni l’88% è fallito.

Negli ultimi anni, sono stati lanciati molti ambiziosi programmi di ripristino e piantagione di foreste – alcuni globali, altri regionali – nel tentativo di risucchiare il carbonio dall’atmosfera e limitare l’aumento delle temperature globali.

I più grandi hanno tempo fino al 2030 per raggiungere i loro obiettivi, ma sembra che abbiano molta strada da fare. In alcuni casi, semplicemente non si sa quanti progressi siano stati fatti.

Tim Christophersen, fino a questo mese capo di Nature for Climate con il Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente, dice che del miliardo di ettari di paesaggio che i paesi hanno promesso di ripristinare in tutto il mondo “la maggior parte” rimane una promessa piuttosto che una realtà.

In alcuni casi, grandiosi programmi di piantagione sono andati avanti, ma hanno dato risultati limitati. La BBC ha indagato su una dozzina di esempi che sono falliti – come nelle Filippine – di solito perché non è stata presa sufficiente cura.

Il governo delle Filippine non ha risposto alle richieste di commentare la valutazione ufficiale della Commissione di controllo secondo cui l’88% del programma nazionale di rinverdimento è fallito.

L’autorità locale che ha piantato quelle che il dottor Primavera considera le specie di mangrovie sbagliate per i siti costieri non è d’accordo con lei, dicendo che il 50% delle piantine è sopravvissuto in alcune località.

Nelle Filippine almeno una verifica è stata pubblicata; in molti altri paesi i risultati non sono chiari.

Lo stato indiano dell’Uttar Pradesh, per esempio, ha piantato decine di milioni di alberelli negli ultimi cinque anni, ma quando la BBC è andata a controllare le nuove piantagioni vicino a Banda, ne ha trovati pochi vivi.

I cartelli annunciavano ancora con orgoglio l’esistenza delle piantagioni, ma le piante della macchia stavano prendendo il sopravvento.

“Queste piantagioni sono per lo più foto-opere, sembrano grandiose, i numeri sembrano stupendi”, dice Ashwini Chhatre, un professore associato della Indian School of Business, che ha fatto ricerche sul ripristino dell’ecosistema.

“L’attuale modello di piantagione richiede di avere prima dei vivai per i quali è necessario procurare materiali da costruzione e poi è necessario procurare sacchi di alberelli, filo spinato e altre cose necessarie per la piantagione e poi il trasporto di tutto.

“I contratti vengono assegnati per la fornitura di tutti questi materiali, che possono anche essere molto dispersivi. E così molte di queste persone sono interessate al reimpianto, non sono interessate al successo della piantagione”.

Il capo della silvicoltura dell’Uttar Pradesh, Mamta Dubey, ha detto alla BBC che tutte le forniture per i vivai statali sono state acquistate attraverso i canali ufficiali del governo a prezzi competitivi, e che la maggior parte delle piantagioni sono state giudicate di successo da terzi.

Il professor Ashish Aggarwal dell’Indian Institute of Management di Lucknow dice che l’India ha coperto con le piantagioni un’area grande come la Danimarca dagli anni ’90, ma le indagini nazionali mostrano che la copertura forestale sta aumentando solo gradualmente.

“Anche con un tasso di sopravvivenza del 50%, avremmo dovuto vedere più di 20 milioni di ettari di alberi e foreste”, dice. “Ma questo non è successo – i dati non mostrano questa aggiunta”.

Secondo il vice direttore dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO), Tina Vahanen, questo problema è diffuso, non limitato all’India.

“Molte delle piantagioni sono state eventi promozionali”, dice, “senza alcuna azione di follow-up che è veramente necessaria per far crescere gli alberi”.

La BBC ha trovato un diverso tipo di problema in Mozambico, che ha permesso alle aziende private di piantare grandi piantagioni di monocoltura come parte del suo contributo all’iniziativa di ripristino del paesaggio forestale AFR100.

Mentre molte piantagioni sono cresciute con successo, si sostiene che in alcuni casi la foresta naturale matura è stata abbattuta per fare spazio.

La BBC ha sentito questa lamentela dagli abitanti dei villaggi nei distretti di Lugela, Ile e Namarroi nel centro del paese. Gli fa eco Vanessa Cabanelas della ONG Justica Ambiental, che dice che il paesaggio originale funzionava meglio come serbatoio di carbonio.

“L’idea della piantagione ci viene venduta come mitigazione degli impatti del cambiamento climatico, il che è falso”, dice.

Le compagnie dietro le piantagioni viste dalla BBC hanno negato che la terra fosse stata precedentemente una foresta sana. Mozambique Holdings ha detto che la sua piantagione di gomma vicino a Lugela era stata piantata su una ex tenuta per la coltivazione del tè. Portucel, una compagnia portoghese che ha una piantagione di eucalipto vicino a Namarroi, ha detto che il paesaggio era stato degradato dall’interferenza umana e che erano rimasti pochissimi resti di foresta naturale.

La BBC ha anche assistito alla raccolta di una piantagione di eucalipto di Portucel. Vanessa Cabanelas fa notare che l’abbattimento degli alberi crea emissioni, così come il trasporto quando i tronchi vengono esportati, e che gli alberi morti non sequestrano più il carbonio. Un portavoce di Portucel ha detto che nuovi alberi saranno piantati, e il processo inizierà di nuovo.

Portucel ha ricevuto finanziamenti dall’International Finance Corporation (IFC), un ramo della Banca Mondiale, che non ha risposto alla richiesta di commento della BBC.

Anche il governo del Mozambico non ha risposto.

È in questo contesto che la FAO introduce questa settimana un nuovo quadro per il monitoraggio dei progetti di restauro del paesaggio.

Il responsabile del team di monitoraggio delle foreste nazionali, Julian Fox, dice che sono stati concordati 20 indicatori con i governi e le altre organizzazioni partner. Questi includono l’annotazione di tutti i benefici che le foreste portano alle comunità locali, poiché è chiaro che spesso falliscono senza il supporto locale.

“L’idea è quella di costruire le capacità dei paesi di misurare e riportare i loro progressi in modo significativo e trasparente”, dice.

“Si tratta soprattutto di rendere disponibili alla comunità internazionale i vostri buoni dati di monitoraggio”.

Il compito di raccogliere i dati ricade ancora sui paesi stessi e non c’è garanzia che lo facciano.

Ma fortunatamente, questo nuovo sforzo coincide con i miglioramenti nei sistemi di monitoraggio satellitare, dicono gli esperti.

“C’è molto greenwashing in giro e dobbiamo attivamente scoprirlo”, dice Tim Christophersen, il capo uscente del ramo Nature for Climate dell’UNEP.

“C’è una tentazione per il greenwashing, perché costa meno che fare le cose reali e farle bene”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.