Come trasformare il giardino in un pozzo di carbonio

  • redazione del FFI
  • 14 Giugno 2022
  • No Responses

Dalle macchie di natura selvaggia alle piante in decomposizione, trasformare il giardino in un pozzo di carbonio non significa solo aggiungere molti alberi.

credit Alamy

Questa è la traduzione automatica fatta da deepl dell'articolo di Isabelle Gerretsen "How to turn your garden into a carbon sink" pubblicato dalla BBC il 13 Giugno 2022

Durante la Seconda Guerra Mondiale, il Ministero dell’Agricoltura britannico incoraggiò i giardinieri a “vangare per la vittoria” e a coltivare i propri ortaggi per contribuire a sfamare il Paese. Gli appezzamenti di terreno sorsero nei giardini privati e nei parchi pubblici – persino i prati all’esterno della Torre di Londra furono trasformati in orti.

Quasi 100 anni dopo, lo stesso slogan “Dig for Victory” è stato riproposto dalla Royal Horticultural Society (RHS) del Regno Unito. L’ente di beneficenza per il giardinaggio intende mobilitare il più grande esercito di giardinieri dalla Seconda Guerra Mondiale per combattere la più grande minaccia del XXI secolo: il cambiamento climatico. Gli strumenti a disposizione? Piantare alberi, usare l’acqua piovana invece degli irrigatori e fare il compost.

Se ognuno dei 30 milioni di giardinieri del Regno Unito piantasse un albero di medie dimensioni e lo lasciasse crescere fino alla maturità, immagazzinerebbe la stessa quantità di carbonio prodotta percorrendo 284 miliardi di miglia (457 miliardi di km), 11 milioni di volte intorno al pianeta, come dimostra una ricerca della RHS. Se ogni giardiniere producesse 190 kg di compost ogni anno, risparmierebbe la quantità di carbonio prodotta dal riscaldamento di mezzo milione di case per un anno.

Mentre i governi e le aziende corrono per ridurre le emissioni, cresce l’interesse per la capacità dei paesaggi naturali, come le foreste, le zone umide e le mangrovie, di proteggere dai rischi posti dal cambiamento climatico. Gli orticoltori sostengono che anche l’umile giardino può servire come potente strumento in questa lotta.

“I giardini stanno diventando delle vetrine per l’ambiente in generale, mostrando i pericoli dei parassiti e le minacce del cambiamento climatico e mostrando cosa si può fare per affrontarli”, afferma Simon Toomer, curatore delle collezioni viventi ai Kew Gardens nel Regno Unito.

Per far fronte ai cambiamenti climatici, i giardini devono diventare più resistenti a condizioni più calde e secche in estate e a maggiori precipitazioni in inverno, avverte la RHS.

Il giardino ideale a basse emissioni di carbonio ha un carattere selvaggio. È ricco di piante e brulicante di vita. Il giardiniere di questo paradiso sostenibile è altrettanto attento a nutrire la vita sotto terra quanto a curare i suoi fiori e arbusti. Ricicla ogni taglio d’erba, foglia caduta e ramoscello spezzato all’interno del giardino ed evita i prodotti chimici tossici per stimolare la crescita delle piante, affidandosi invece al compost fatto in casa e alla pacciamatura vivente per creare un habitat fiorente.

I pozzi di carbonio efficaci non devono essere noiosi: l’idea è quella di avere un’abbondanza di piante (Credit: Alamy)

Prati selvaggi

“In passato tutti volevano un prato incontaminato, ma ora c’è un grande movimento nel giardinaggio per paesaggi più naturali che è davvero entusiasmante”, dice Justin Moat, senior research leader del programma Nature Unlocked di Kew Gardens, che esplora soluzioni basate sulla natura per il cambiamento climatico e la sicurezza alimentare.

Il giardino ideale a basse emissioni di carbonio ha un carattere selvaggio. È ricco di piante e brulicante di vita. Il giardiniere di questo paradiso sostenibile è altrettanto attento a nutrire la vita sotto terra quanto a curare i suoi fiori e arbusti. Ricicla ogni taglio d’erba, foglia caduta e ramoscello spezzato all’interno del giardino ed evita i prodotti chimici tossici per stimolare la crescita delle piante, affidandosi invece al compost fatto in casa e alla pacciamatura vivente per creare un habitat fiorente.

“Dobbiamo sopportare i prati trasandati”, dice Moat. Questo potrebbe essere un pio desiderio, come ha rivelato di recente la BBC Future: sembriamo dipendenti dai prati curati (leggi di più sul loro strano fascino e sulle persone che pensano che dovremmo sbarazzarcene).

Nel Regno Unito, i giardinieri sono stati recentemente incoraggiati a lasciare che la natura faccia il suo corso durante il “No Mow May“. Gli ambientalisti sostengono che, se lasciati in pace, i prati potrebbero diventare fiorenti hotspot per la fauna selvatica. Dato che si stima che il 23% del territorio urbano sia coperto da prati, c’è un grande potenziale per aiutare a combattere la crisi globale della biodiversità.

Lasciare il tosaerba nel capanno è un vantaggio anche per il clima. Secondo Toomer, una delle cose più importanti che i giardinieri possono fare a breve termine è ridurre il consumo energetico di tosaerba e irrigatori.

Secondo il California Air Resources Board (CARB), il funzionamento di un tosaerba a benzina per un’ora rilascia una quantità di inquinamento da smog pari a quella che si produce guidando per 160 km (100 miglia).

Sally Nex, giardiniera professionista e autrice del libro How to Garden the Low Carbon Way, anni fa ha sostituito il suo tosaerba a scoppio con uno a batteria dopo aver scoperto quanti fumi tossici emette.

“Non c’è alcuna regolamentazione sulle emissioni massime degli attrezzi a benzina: è davvero scioccante”, dice Nex.

Altri attrezzi per il giardinaggio sono altrettanto inquinanti dei tosaerba. L’uso di un soffiatore a benzina produce la stessa quantità di emissioni di un viaggio in auto di 1.770 km (1.100 miglia) – la distanza da Los Angeles a Denver – secondo il CARB.

Intrappolare il carbonio

Moat afferma che il programma Nature Unlocked ha evidenziato il potere “fenomenale” del suolo di trasformare i nostri giardini in paradisi biodiversi che possono contribuire a mitigare il cambiamento climatico.

“Nel sottosuolo succede molto di più che in superficie”, afferma. “Abbiamo bisogno di un suolo sano per la nostra produzione alimentare e per intrappolare il carbonio”.

Secondo uno studio del 2020, ricostituire e ripristinare i suoli del mondo – sia in agricoltura che nei paesaggi naturali – potrebbe contribuire a rimuovere fino a 5,5 miliardi di tonnellate di CO2e ogni anno. Ciò equivale alle emissioni annuali di gas serra degli Stati Uniti, il secondo inquinatore mondiale, nel 2020.

Un suolo sano compensa le emissioni assorbendo il carbonio dalla materia vegetale morta. Per immagazzinare quanto più carbonio possibile, il suolo ha bisogno di un buon equilibrio tra acqua, sacche d’aria, organismi viventi, come i funghi, e sostanze nutritive. I giardinieri mantengono questo equilibrio aggiungendo costantemente materiale organico al terreno.

“Lo paragono a un conto corrente e a un conto di risparmio per il carbonio”, dice Andrea Basche, professore assistente presso il dipartimento di agronomia e orticoltura dell’Università del Nebraska. “È necessario un apporto costante di materia vegetale in decomposizione e di radici nel conto corrente del terreno per alimentare tutti gli organismi viventi”.

I giardinieri non dovrebbero comprimere troppo il terreno o usare attrezzature pesanti quando è bagnato, perché in questo modo il terreno si compatta, chiudendo le sacche d’aria vitali e impedendo all’acqua di drenare, dice Gush.

Se lasciato nudo ed esposto alle intemperie, il suolo si degrada e le sue scorte di carbonio si esauriscono. Coprire il terreno nudo con piante, come il trifoglio, e pacciamature – coperture sciolte di materiali biodegradabili – è quindi fondamentale per evitare che la CO2 si infiltri nell’atmosfera, afferma Gush.

Un recente studio della Penn State University ha rilevato che le colture di copertura sono più efficaci nel proteggere il mais e la soia dai parassiti rispetto all’applicazione di pesticidi.

La pacciamatura ha trasformato l’orto di Nex. “Quando ho smesso di scavare e ho iniziato a pacciamare, mi sono resa conto che il mio terreno superiore stava diventando sempre più profondo”, racconta Nex. “Il terreno è nero e brulicante di vita: è molto gratificante”.

La pacciamatura, inoltre, elimina le erbacce, aiuta il terreno a trattenere l’umidità e protegge le radici delle piante dalle temperature estreme.

Le foglie cadute e i rametti spezzati non devono essere rimossi dalle aiuole, ma possono essere trattati come “pacciame vivente”, che apporta nutrienti vitali al terreno. “In sostanza, lasciate qualsiasi materia organica per alimentare il terreno”, dice Toam.

Anche i balconi possono essere trasformati in pozzi di carbonio (Credit: Alamy)

I pacciami viventi possono anche ridurre la dipendenza dei giardinieri dai fertilizzanti azotati, molti dei quali hanno un’elevata impronta di carbonio. Basche dice che gli agricoltori del Nebraska hanno dovuto usare meno fertilizzanti per le loro colture dopo aver coltivato una coltura di copertura e aver usato pacciamature viventi per diversi anni. I legumi, come i fagioli e i piselli, agiscono come sovescio aggiungendo al terreno, quando si decompongono, azoto prezioso, vitale per la crescita delle piante. Secondo uno studio del 2021, l’introduzione di una coltura di legumi per un anno in una fattoria di cereali in Scozia potrebbe ridurre di quasi il 50% la quantità di fertilizzanti azotati necessari per l’intero ciclo quinquennale.

Un modo semplice per arricchire il terreno è aggiungere del compost fatto in casa. Un compost sano dovrebbe contenere una miscela 50:50 di materiali ricchi di azoto, come sfalci d’erba e bucce di verdure, e di carbonio, come fusti legnosi e carta assorbente.

Il compostaggio consente inoltre di eliminare gli avanzi di cibo in modo sostenibile. Se gettati in discarica senza ossigeno, i rifiuti alimentari marciscono e rilasciano metano, un gas serra molto potente che, sebbene abbia una vita più breve nell’atmosfera, ha un impatto sul riscaldamento globale 84 volte superiore a quello dell’anidride carbonica (CO2) in un periodo di 20 anni.

Ma in un cumulo di compost, esposto all’ossigeno, i rifiuti organici vengono convertiti in carbonio stabile per il suolo, conservando l’acqua e i nutrienti della materia originale. Il cibo compostato rilascia solo il 14% dei gas serra rispetto al cibo gettato via.

“Smaltisco tutti gli scarti dell’orto, le verdure e le bucce in giardino. Ogni volta che raccolgo le verdure o poto le rose, sottraggo carbonio al giardino, quindi è importante restituirlo al terreno”, dice Nex.

I cumuli di compost devono essere girati regolarmente (la RHS consiglia una volta al mese) per aggiungere aria alla biomassa e mantenerla umida. Il compost da giardino può richiedere fino a due anni per raggiungere la maturità, quando diventa di colore marrone scuro, ha una consistenza friabile e profuma di bosco umido.

I prati selvatici assorbono più carbonio di quelli tagliati spesso e hanno il vantaggio di produrre fiori adatti alle api (Credit: Alamy)

Se avete intenzione di acquistare del compost, evitate quello contenente torba, dice Gush. Le torbiere coprono solo il 3% della superficie del pianeta, ma immagazzinano il doppio del carbonio di tutte le foreste del mondo. Si accumulano migliaia di anni di carbonio, con la formazione di 1 cm di torba ogni 10 anni circa.

“Le torbiere sono serbatoi molto importanti, hanno accumulato carbonio per millenni”, spiega Gush. “Non appena vengono prosciugate e la torba viene esposta all’aria, il carbonio viene liberato e rilasciato nuovamente nell’atmosfera”.

L’anno scorso il governo britannico ha dichiarato di voler vietare la vendita di compost di torba ai giardinieri entro il 2024, ma i critici avvertono che il ritardo di due anni aggiungerà più di 1,5 milioni di tonnellate di CO2 all’atmosfera – l’equivalente delle emissioni annuali di 214.000 residenti nel Regno Unito.

Abbondanza di piante

Sebbene alcuni giardinieri desiderino un aspetto uniforme per le loro aiuole e prati, la coltivazione di un’ampia gamma di piante è vantaggiosa se si vuole trasformare il giardino in un pozzo di carbonio in miniatura.

È stato dimostrato che la diversità delle piante aumenta la produttività e la quantità di carbonio immagazzinata nel suolo. “Una maggiore varietà di piante aumenta il sequestro di carbonio ottimizzando l’uso dello spazio disponibile in un giardino, sia in superficie che in profondità”, spiega Gush.

È importante coltivare piante a strati nell’orto e coltivare colture con radici che raggiungono profondità diverse, in modo che possano penetrare in tutte le parti del terreno e diffondere le sostanze nutritive. “Questo facilita il massimo assorbimento di carbonio”, dice Gush.

Per chi vuole trasformare il proprio giardino in un pozzo di carbonio, la coltivazione di alberi longevi sembra l’opzione più ovvia. Per rendere il giardino resistente al clima, la RHS raccomanda di piantare un mix di alberi che tollerano la siccità, come la gomma delle nevi e il leccio, e di alberi che resistono ai ristagni d’acqua, come l’acero rosso e il salice dorato.

Gli alberi da giardino assorbono quantità significative di carbonio dall’atmosfera, ma è anche utile avere una diversità di piante (Credit: Alamy)

Ma gli alberi non sono le uniche piante che possono contribuire a compensare l’impronta di carbonio del vostro giardino. Le erbe autoctone hanno un apparato radicale esteso, che raggiunge più di due metri nel terreno, e fungono da serbatoi per il carbonio, che si trasferisce nel terreno quando le radici muoiono e si decompongono.

Gli arbusti legnosi, come la fusaggine e la radica dolce, e le erbe aromatiche come il rosmarino e il timo, possono contribuire ad aumentare le scorte di carbonio del vostro giardino, raccomanda Nex nel suo libro.

Se volete abbellire il vostro giardino con colture colorate, è meglio evitare i fiori annuali, che devono essere estirpati ogni anno – liberando così il carbonio immagazzinato – e optare invece per le piante perenni resistenti, come le peonie e i girasoli, dice Nex.

Piantare siepi è un altro investimento che vale la pena fare. Una siepe ben cresciuta, ricca di biomassa, aiuta ad aspirare il carbonio dall’atmosfera alle piante e al suolo. Uno studio ha rilevato che le siepi immagazzinano quantità di carbonio simili a quelle dei boschi. Le siepi ospitano inoltre una ricca biodiversità e pullulano di animali selvatici. Un ecologo britannico che ha monitorato una vecchia siepe vicino a casa sua, nel Devon, ha contato ben 2.070 specie, dagli impollinatori alle lucertole e ai mammiferi, che la visitavano o vi risiedevano.

Anche gli stagni possono svolgere un ruolo importante nella lotta dei giardini contro il cambiamento climatico. Uno studio su piccoli stagni di pianura nel nord-est dell’Inghilterra ha rilevato che essi immagazzinano tassi di carbonio molto più elevati (da 79 a 247 g per metro quadrato all’anno) rispetto ai boschi o ai prati circostanti (2-5 g).

Tuttavia, non tutti gli stagni fungono da pozzi di carbonio. Uno studio statunitense ha scoperto che gli stagni artificiali che raccolgono le acque piovane in Florida emettono più carbonio di quanto ne immagazzinino nei loro sedimenti melmosi.

Questa scoperta significa che alcuni stagni ci stanno rendendo un “disservizio” all’ecosistema”, ha dichiarato Mary Lusk, coautrice dello studio e assistente alla cattedra di scienze dell’acqua e del suolo presso l’Università della Florida, in occasione della pubblicazione dello studio. “I nostri risultati suggeriscono che, quando sono nuovi, [gli stagni] emettono grandi quantità di carbonio dal paesaggio”.

Gli stagni possono anche emettere grandi quantità di metano potente nell’atmosfera. Uno studio dell’Università di Exeter ha concluso che gli stagni più piccoli di un metro quadrato sono responsabili del rilascio di circa il 40% di tutte le emissioni di metano dalle acque interne.

Tuttavia, non tutti i benefici ambientali riguardano il carbonio: gli stagni offrono molti altri vantaggi, come l’aumento della biodiversità. Infatti, secondo alcune associazioni di beneficenza, aggiungere un laghetto al proprio giardino è una delle cose migliori che si possano fare per la fauna selvatica (maggiori informazioni più avanti nella serie).

“Se disturbate i fanghi sul fondo dello stagno, il vostro stagno rilascerà più metano di quanto ne assorbirà il carbonio”, dice Nex. Per contenere il gas nocivo, Nex consiglia di rimuovere il fogliame morto dalla superficie del laghetto, poiché i detriti in decomposizione emettono metano, e di eliminarlo in autunno.

I giardinieri che adottano pratiche a basse emissioni di carbonio saranno ricompensati da una fiorente biodiversità e da bordure piene di piante rigogliose.

“Le mie piante ora crescono molto meglio. È molto lusinghiero per me, visto che non sto facendo molto!”, dice Nex. “Ha davvero migliorato l’aspetto del mio giardino: è davvero mozzafiato”.

Unisciti a un milione di fan di BBC Future mettendo “Mi piace” su Facebook, oppure seguici su Twitter o Instagram.

Se vi è piaciuta questa storia, iscrivetevi alla newsletter settimanale di bbc.com, chiamata “The Essential List”, una selezione di storie selezionate da BBC Future, Culture, Worklife, Travel e Reel, che vi verrà recapitata nella vostra casella di posta ogni venerdì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.