pensieri e idee

Il Blog

A cosa serve il Fondo Forestale Italiano?

  • redazione del FFI
  • 31 Gennaio 2024
  • 5 Responses

Un’immagine vale più di mille parole! Le foto si riferiscono al Bosco di Soana, a S. Lorenzo Nuovo (VT) e illustrano bene a cosa serve il FFI!

Come si vede nella seconda foto, la proprietà donata al FFI nel 2020 è rimasta intatta, mentre i boschi attorno sono stati soggetti a taglio. Erano bellissime querce ed è un gran peccato che siano state tagliate!

Il FFI acquisisce la proprietà dei boschi proprio perché, grazie ad essa, può evitare che siano tagliati.

In Italia il divieto di tagliare alberi è assoluto solo nelle riserve integrali dei parchi nazionali. Altrove si può tagliare ovunque, purché si osservino leggi e regolamenti (purtroppo sempre più laschi e con controlli spesso solo “sulla carta”)

Per il FFI, in questo periodo di pericolosi cambiamenti climatici, ogni singolo albero è prezioso perché é

  • accumulatore terrestre di CO2 (anidride carbonica)
  • produttore di O2 (ossigeno)
  • habitat di vita selvatica (non solo animali!)
  • protettore dal dissesto idrogeologico
  • fonte di bellezza (last but not least)

Per tali motivi il FFI acquisisce boschi (ricevendoli in donazione o acquistandoli) e poi li lascia alla libera evoluzione senza tagli a scopo economico o di utilità. Ad oggi il FFI protegge dai tagli 197 ettari di bosco di sua proprietà.

Inoltre il FFI ha creato una rete di proprietari privati che si impegnano col FFI a non effettuare tagli nei loro boschi nè a scopo economico né a scopo di utilità. I loro terreni sono “affiliati” al FFI e ad oggi assommano a 272 ettari.

Tutte le informazioni sul FFI sono sul sito www.fondoforestale.it

in particolare bilanci, statuto e regolamenti sono nella pagina “Documenti” dello stesso sito.

Acquisire boschi e custodirli senza averne profitto è costoso, aiutaci a proteggere sempre più boschi!

5 risposte

  1. Ci dicono che no c’è deforestazione? Vivo tra Monferrato e Langhe e ogni giorno vedo sparire interi boschi per fare spazio a vigne e noccioleti. In più buona parte di queste coltivazioni vengono completamente private di qualsiasi erba fresca all’interno, provocando dilavamento continuo alla.prima piogge, impoverendo il terreno. Oltretutto ricevino trattamenti chimici e di concimazione artificiale che alla fine andranno a finire nei prodotti e nella falda acquifera.

  2. Occorre adoprarsi per un disegno di legge che obblighi comuni e proprietà a essere vincolati a regole ferree!

  3. Sto per acquistare un terreno di 2 ettari e vorrei creare un giardino o didattico per tutte le età.Vorrei utilizzare anche le frequenze musicali e portare esperti per insegnare la bellezza e limpotdeliboschi.Mi mancano i fondi e in so come muoversi a livello burocratico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiutaci a salvare i boschi

La fondazione Fondo Forestale Italiano ETS conserva boschi esistenti e ne crea di nuovi. Tutti i boschi sono lasciati nel loro stato naturale, senza tagli.